GRAFICA Archivi | Blog VoiceRoad
Slack ha un nuovo logo progettato da Pentagram

Slack ha un nuovo logo progettato da Pentagram

Slack, il software applicativo di gruppo più utilizzato da chi lavora in team per chattare, inizia il 2019 rivoluzionando completamente la sua identità visiva.

nuovo logo slack

Il CEO di Slack Stewart Butterfield e il team di design e marchio della società si sono affidati alla Pentagram, la famosa agenzia capitanata da Michael Bierut. La Pentagram ha progettato la nuova identità di marchio catturando la semplicità e la facilità d’uso del software. Il simbolo familiare hashtag del vecchio logo, aggiornato e rinfrescato, è stato mantenuto perché svolge un ruolo importante nella piattaforma – viene utilizzato per segnalare l’inizio di un progetto.

Il nuovo logo Slack: più semplice, più flessibile

 

La progettazione del nuovo logo utilizza le quattro diagonali del marchio originale come punto di partenza, ma i nuovi elementi includono una forma di pillola e un motivo a goccia. Quest’ultimo è destinato ad assomigliare a una nuvoletta come riferimento alla chat.

Abbiamo preso il loro hashtag familiare e lo abbiamo decostruito“, ha detto Bierut, che ha guidato il progetto dall’ufficio di Pentagram di New York.

Le forme pillola e droplet sono accoppiate insieme per creare quattro sezioni, disposte attorno a un punto centrale. I pezzi del simbolo sono separati ma si visivamente si uniscono e le forme sono pensate per sembrare come se fossero insieme intrecciate e aperte.

Un altro aspetto chiave della progettazione è stato la riduzione del set di 11 tonalità del vecchio marchio su quattro colori primari: rosso, giallo, verde e blu.

L’accento di Slack “melanzana viola” viene mantenuto come sfondo e nella colonna di sinistra della piattaforma di messaggistica.

Senza dubbio però, il nuovo logo risponde meglio alle esigenze del brand, rendendosi più flessibile e adattabile nei vari contesti e non è altro che una versione fresca e semplificata del conosciutissimo logo del software.

Tu che ne pensi?